Diotto filmato - Comitato Festeggiamenti Palio del Diotto - Scarperia (FI)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi > Diotto


L’ambiente storico, architettonico e culturale mugellano, i figuranti del Corteo Storico di Scarperia ed i Giochi del Palio del Diotto, sono stati particolarmente ricercati anche per le riprese di film, filmati, documentari e corto metraggi…., per ricordarne alcuni:

Nell’estate del lontano 1972 il nostro Palazzo dei Vicari ed alcuni scarperiesi furono inseriti nel film di Roberto Rossellini “L’età di Cosimo de’ Medici”.

Fu data l’autorizzazione del Sindaco affinché un importante regista come Rossellini potesse allestire all’interno dell’attuale sala di rappresentanza (ecs sala del Consiglio Comunale) il banchetto rinascimentale. Mentre nel cortile venne allestito un mercato, con prodotti agricoli, bestiame, stoffe e cocci come si può vedere dalle fotografie inserite in questo capitolo. Chi si ricorda com’era stato trasformato il Palazzo garantisce che era molto suggestivo, anche se i disagi di convivenza sicuramente non mancarono.

Vista l’importanza dell’evento diamo alcuni cenni: oltre, naturalmente, alla regia di Roberto Rossellini; c’erano come aiuti – regia Claudio Biondi, Claudio Amati, Beppe Cino; il soggetto era tratto da Cronache del Consiglio di Firenze, dalle opere di Francesco Guicciardini e Niccolò Machiavelli; la sceneggiatura era di Roberto Rossellini, Marcella Mariani, Luciano Scaffa; la fotografia era di Mario Montuori (Eastmancolor); i costumi erano realizzati da Marcella De Marchis; la musica fu scelta da Manuel De Sica; la scenografia era di Franco Velchi; l’arredamento era curato da Ezio Di Monte; il suono di Carlo Tarchi; il montaggio era seguito da Jolanda Benvenuti; il direttore di produzione era Francesco Orefici; gli interpreti e personaggi erano: Marcello Di Falco (Cosimo de’ Medici), Virginio Gazzolo (Leon Battista Alberti), Tom Pelleghi (Rinaldo degli Albizzi), Mario Erpichini (Totto Machiavelli), Adriano Amidei Migliano (Carlo degli Alberti), John Stacy (Ilarione de’ Bardi), Sergio Nicolai (Francesco Sederini), Michel Bardinet (Ciriaco d’Arpaso), Piero Germini (Poggio Bracciolini), Mario Demo (Sigismondo Malatesta), Duccio Duroni (Bernardo Rossellino), Ianti Sommer (contessina de’ Bardi, moglie di Cosimo), Ugo Cardea (Niccolò Cusano), Marino Masè (Francesco Filelfo), Lincoln Tate (Thomas Wadding), Roberto Bisacco (Niccolò Di Cocco Donati), Bruno Cattaneo (Toscanelli), Sergio Serafini (Lorenzo), Dario Micaelis (Carlo Marsuppini), Giuliano Disperati (nuovo gonfaloniere), Goffredo Matassi (Bernardo Guadagni, gonfaloniere di Firenze), Fred Ward (Niccolò de’ Conti), Giuseppe Addobbati, Roberto Bruni, Livio Galassi, Maurizio Manetti, Valentino Macchi, John Bartha, Ernesto Colli, Rita Forzano, Nazzareno Natale, Carlo Reali, Giuseppe Pertile,Attilio Dottavio, Senia Fridman, Franco Moraldi, Bepy Mannajuolo, Giacinto Ferro, Bernard Rigal, Enzo Spitaleri, Francesco Vairano, Emanuele Vacchetto, Howard Nelson Rubien, G. De Michelis ed alcune comparse arruolate a Scarperia; la produzione era di Roberto Rossellini per la Orizzonte 2000/ RAI (Roma); ed infine la durata è di 250’.

Il film venne trasmesso dalla RAI, sul Primo Canale, in tre puntate, il 26 dicembre del 1972 e il 2 e 9 gennaio del 1973.

I titoli dati alle tre puntate sono: L’esilio di Cosimo, Il potere di Cosimo e Leon Battista Alberti. Trama: Nell’età della signoria fiorentina, il travagliato percorso storico di Cosimo de’ Medici si sviluppa dal suo breve governo, passando per il lungo esilio a Venezia, dove è ospitato dal Doge, sino al ritorno a Firenze, dove la sua attenta e lungimirante amministrazione aprirà l’epoca aurea della città gigliata. Alcune scene sono state recentemente inserite da Piero Angela anche in una recente trasmissione di Super Quark dedicata alla vita dei Medici.

In un freddissimo 21 novembre del 1998 (nevicava perfino…), i figuranti del Corteo Storico di Scarperia sono stati per la prima volta dietro le telecamere! Le riprese, effettuate nel Palazzo dei Vicari, servivano per un video promozionale dell’Amministrazione Comunale.

A parte il freddo, ricordo quella giornata con piacere e col sorriso sulle labbra, anche perché le scene preparate e ripreparate, le battute dette e ridette, le espressioni da avvilite a concentrate, da sconfortate a soddisfatte, si alternavano con incredibile velocità e ci trasmettevano ilarità.

Più recentemente siamo stati contattati da una troupe inglese per un pranzo rinascimentale allestito al Castello del Trebbio in un assolato e caldissimo 15.07.2001.

Alle difficoltà iniziali dovute dal passaggio delle indicazioni e delle istruzioni dal regista, all’interprete ai nostri figuranti, seguì un’esperienza bellissima e da ricordare! Il quadro era semplice, ma d’effetto:

La tavola imbandita con vari centro tavola di alloro e frutta, con le stoviglie che utilizziamo per i nostri festeggiamenti, i vassoi con piatti tipici dell’epoca scenograficamente preparati.

A coronare tutto questo….i figuranti riccamente vestiti, acconciati e truccati, quale giusta coreografia della sontuosa tavola. Intorno gli armati a fare la  scorta ed i loro cavalli a brucare lì vicino.

Un’esperienza estenuante ma emozionante e molto formativa.

Lo stesso anno, e precisamente il 9 settembre, siamo stati scelti come comparse per un film di produzione americana sulla vita del Savonarola, girato a Cafaggiolo.

Gli abiti più mesti dovuti al periodo del fine medioevo inizio rinascimento, furono forniti dalla troupe. I figuranti furono debitamente truccati anche con parrucche ed il risultato finale era di grande impatto!

Le scene erano girate fuori dal castello di notte, con folate di nebbia che rendevano il tutto irreale e molto suggestivo! Il predicatore che impersonava il Savonarola che imprecava e malediceva! Le comparse alcune adoranti, altre spaventate, altre erano lì per spiare il comportamento del frate….sembrava tutto così reale!

Il Savonarola ed i personaggi principali erano attori di teatro romani, alcuni anche conosciuti e le comparse, alcune anche parlanti, i componenti del Corteo di Scarperia!

Il 25.09.2003 abbiamo animato a Cafaggiolo un documentario sulla storia di Caterina dei Medici partendo dall’infanzia in avanti, per la trasmissione “Sapori di Toscana” trasmessa sia da Italia 7  che da Toscana Channel.

Le riprese partivano dalla zona cucina con cuoche in costume che preparavano piatti tipici. Quindi si spostavamo nel salone dove era stata allestita una tavola imbandita con le più grandi pietanza rinascimentali. I commensali erano i familiari di Caterina dei Medici, ora bambinetta, i nobili e le dame semplici invitati; fino a rappresentare Caterina adulta che si muoveva nelle stanze del castello. Il tutto col sottofondo di canti del gruppo degli Armonauti.

L’emozione della cinepresa è ben diversa da qualsiasi altra cosa, sentire il regista dire “Ciack Aaazioneee!!” ti scuote e ti proietta immediatamente in una realtà diversa della quale in quel momento ti rendi conto di fare parte!

Tante sono state le trasmissioni televisive in cui sia i singoli figuranti, che parti del corteo, o gli sbandieratori, oppure alcuni giochi del Palio, sono stati ripresi!

A partire dal freddissimo febbraio 2003 con il “Sabato nel Villaggio” con Valter Santillo in diretta dalla nostra Piazza dei Vicari, dove erano state allestite tavole imbandite con prodotti tipici ed i figuranti sfilavano davanti al castello. Era così freddo che i piatti portati sulle tavole appena tolti dal fuoco, dopo pochi minuti…erano congelati!

Ad arrivare alla “Giostra del Goal” di cui ho già parlato in un altro capitolo; ad altre trasmissioni di minor risonanza nazionale.

L’ultimo ripreso in ordine temporale e precisamente lo scorso novembre, è stato il Lancio dei Coltelli per la trasmissione “Sabato domenica e..”.

Fiammetta Capirossi

 
Torna ai contenuti | Torna al menu